Il megayacht Serenity sbarca a Portofino

Il megayacht Serenity ha scelto un palcoscenico di tutto rispetto per farsi ammirare da curiosi e appassionati di nautica: stiamo parlando di Portofino. L’iniziativa del red carpet più lungo al mondo (partenza da Rapallo e arrivo in Piazzetta) non ha fatto altro che incrementare ulteriormente il turismo nella splendida località ligure.

La perla del Tigullio è infatti il punto di arrivo di appassionati di trekking, curiosi e tanti turisti della domenica che si lanciano in questo percorso panoramico di otto chilometri: la bellezza dell’itinerario che da Santa Margherita porta alla caratteristica piazzetta non è certo una novità ma evidentemente l’idea del red carpet ha dato i suoi frutti.

Insomma un plauso al tempismo del megayacht Serenity che ha scelto davvero il periodo migliore per mettere in mostra il suo splendore

Megayacht Serenity a Portofino: Liguria Nautica colpisce ancora!

Il tempismo non è mancato neppure a Liguria Nautica: neanche il tempo di scorgere la splendida unità che già era partito il clic della macchina fotografica. Costruito dal cantiere navale Mondomarineil megayacht Serenity è lungo 42,5 metri e largo quasi nove metri.

Luca Vallebona si è occupato degli interni e degli esterni. Una firma di prestigio, un ragazzo giovane che si sta imponendo come uno dei più rinomati yacht designer del momento. La concretezza e l’estrema semplicità delle linee sono alcuni dei parametri che caratterizzano i suoi lavori.

Tornando alle caratteristiche del megayacht Serenity, l’imbarcazione può ospitare fino a dieci persone in quattro splendide cabine e può raggiungere una velocità massima di 17 nodi.

 

Scheda tecnica del megayacht Serenity:

Cantiere: Mondomarine

Anno di varo: 2015

Lunghezza: 42,5 m

Larghezza: 8,8 m

Pescaggio: 2,2 m

Design esterno: Luca Vallebona

Design interno: Luca Vallebona

Velocità massima: 17 nodi

Velocità di crociera: 15 nodi

Ospiti: 10 persone

Cabine: 4

Materiali: alluminio e acciaio

 

Le foto sono di proprietà di Liguria Nautica, riproducibili previa citazione della fonte con link attivo

Paolo Bellosta