Video

L’uovo di Pasqua firmato LN è arrivato con qualche giorno di ritardo ma i nostri lettori ci perdoneranno vista la qualità della sorpresa. Stavamo pagaiando nella zona di Portofino quando ci siamo trovati davanti il megayacht Atlante: un vero gioiello, un colosso di 55 metri. Ignorarlo sarebbe stato un delitto… Per questo ecco la scheda tecnica e la nostra fotogallery esclusiva.

Ecco le foto esclusive del megayacht Atlante firmate Liguria Nautica

Questa splendida unità è stata presentata in anteprima al Monaco Yacht Show 2015 ed è stata costruita da CRN Yacht, brand del Gruppo Ferretti. Come detto il megayacht Atlante ha una lunghezza di 55 metri, una larghezza di 11 metri e può raggiungere una velocità massima di oltre 15 nodi grazie ai due motori Caterpillar 3512C, mentre la velocità di crociera non supera i 12 nodi.

Le quattro cabine ospiti sono poste verso prua e la zona interni è stata curata dalla ditta francesce Pouenat su disegno dello studio Gilles & Boissier. Il lusso è evidente ma mai esagerato: i marmi bianchi danno un senso di estrema purezza, i dettagli in rovere non fanno altro che enfatizzare l’estrema eleganza dell’imbarcazione. Il design esterno del megayacht Atlante, firmato Nuvolari & Lenard, è inusuale perché coniuga lo stile sportivo a quello militare.

Nella zona relax sono presenti due vasche idromassaggio, un bagno turco, numerosi lettini e una zona massaggio, mentre l’area fitness è fornita di ogni tipo di attrezzo. Infine quattro moto d’acqua sono a disposizione per chi volesse allontanarsi momentaneamente dal megayacht e avvicinarsi alla costa.

 

Scheda tecnica del megayacht Atlante:

Cantiere: CRN Yacht

Anno di varo: 2015

Lunghezza: 55 m

Larghezza: 10,20 m

Pescaggio: 3,12 m

Motore: due motori Caterpillar 3512C

Design esterno: Nuvolari & Lenard

Design interno: Gilles & Boissier

Velocità massima: 15 nodi

Velocità di crociera: 12 nodi

Ospiti: 10 persone

Cabine: 4

Materiali: alluminio e acciaio

 

Le foto sono di proprietà di Liguria Nautica, riproducibili previa citazione della fonte con link attivo

Paolo Bellosta